Al momento stai visualizzando Risveglio Spirituale: semplice ma potente!

Risveglio Spirituale: semplice ma potente!

Se hai intrapreso il tuo cammino di Risveglio Spirituale: ricordati questo…

 

Prima di tutto, voglio solo dirti che a me piace poco perdermi in tanti concetti che leggi nei libri o senti da varie dottrine: amo essere diretto perché il tutto è davvero semplice e mai nessuna parola o concetto potrà spiegare l’inspiegabile… 

 

… se no sarebbe come se io volessi spiegarti il silenzio – c’è e basta, non ha forma, colore o dimensione, non ha una storia né un futuro – semplicemente c’è, qui ed ora, sempre presente, anche se non ne siamo consapevoli.

 

Proprio per questo, invito e guido le persone a sviluppare il proprio potere di lasciare andare il tutto anche per un attimo, e vedere cosa rimane qui, cosa c’è già qui, sempre perfetto e sempre presente…

 

Qual è quella Cosa che pervade e anima ogni tua esperienza e allo stesso tempo, non è mai condizionata?!?

 

Guardiamo insieme adesso…

 

Se tu prendessi un piccone e iniziassi a scavare in profondità, che tu penetri sotto 1 metro di fango o sotto 10 metri di roccia dura, quello che realmente trovi e dai per scontato, è il Vuoto, lo Spazio, indipendentemente dagli oggetti che sorgono…

 

Questo Spazio, è presente in qualsiasi posto, non esiste nulla che possa non essere accolto dallo Spazio in cui risiede e nel quale è dal quale, ha preso forma, ha preso vita.

 

Lo Spazio è già lì, così come una scultura e già nel blocco di marmo… quello che un artista fa, non è altro che togliere il superfluo, tutto ciò che è in eccesso, per far in modo che rimanga solo la scultura…

 

Lo stesso con te caro ricercatore di te stesso: indipendentemente da quanto tu possa scavare dentro di te, nelle tue esperienze, nel tuo passato ed esplorare il tuo futuro – quello che troverai prima di tutto, sarà te stesso – l’unico denominatore comune sei tu…

 

Senza di te, non c’è la scoperta e la consapevolezza di nulla.

 

Io ho trovato;

Io ho fatto;

Io ho posseduto;

 

Tutte queste affermazioni, implicano un qualcosa di nascosto, ma non troppo per un occhio puro…

 

“Io ho”, sarebbe come dire, “io sono colui che”, giusto?

 

Se ora per un attimo, togliamo l’oggetto e rimaniamo semplicemente come soggetto, senza un nome, senza una forma, senza una storia…

 

Lasciati andare e gioca con me, dai 🙂

 

Ipotizza, immagina per un attimo, di entrare in una stanza magica e prima di poterci accedere, un guardiano ti chiedesse:

 

“Prima di entrare, lascia fuori i tuoi vestiti…”

 

Tu lo fai…

 

“Ora lascia fuori, anche tutto il contenuto della tua mente, il passato, il futuro, i desideri e le paure, i tuoi ruoli e tutto ciò che sai di te e lascia fuori, anche l’immagine e il senso del tuo corpo.”

 

Tu lo fai… per un solo attimo, sei pienamente presente e centrato qui, Adesso, senza nessun pensiero, sentendo solo la tua presenza, cioè questa sensazione naturale, che ti indica di esistere: “Io Esisto, sono qui”.

 

Entra ora in questa stanza magica, come pura presenza, rimani semplicemente così come sei…

 

Osserva come in questo momento, nonostante tu abbia lasciato tutto, anche per un solo attimo, questo non toglie il fatto che tu esista… 

 

Sei pienamente presente qui ed ora, percepisci te stesso come presenza, non c’è l’idea del passato, di te stesso, del futuro e il tuo corpo e li, ma tu sei qui che osservi il tutto, senza farti coinvolgere…

 

Osserva come qui, in Quel che rimane, c’è pace, c’è serenità, tutto è perfetto, quieto, e non ha bisogno di alcuna modifica, come le paure e i desideri sono scomparsi, e questo non toglie il fatto che tu esista.

 

Ma esisti come che cosa? Esisti come pura Presenza… lo Spazio in cui tutto succede e rimane imperturbabile nonostante tutto…

 

Diventa sempre più consapevole della tua Presenza, e osserva se tu sei presente o sei la Presenza stessa…

 

Per questo continuo a martellare sul fatto che tutto ciò che davvero stai cercando, è già nel luogo dal quale lo stai cercando…

 

È solo che per abitudine, per impulso, per ciò che abbiamo imparato su di noi, identificandoci con il contenuto della coscienza: parlo di pensieri, immagini, emozioni, sensazioni, idee, credo, ecc…

 

E come se lo schermo della televisione, durante la trasmissione di Sanremo (la prima cosa che mi è venuta in mente 🤣) si perdesse così tanto nel piacere di ascoltare quell’artista, si fa pervadere e coinvolgere dalla musica, che inizia a prendere la sua forma, inizia a viverlo come fosse la sua identità, vivendo in un sogno, e dimenticasse se stesso…

 

Il Risveglio Spirituale, avviene spontaneamente, tu non puoi fare nulla come persona, quando lo schermo si risveglia da quel sogno e si rende conto che lui è lo Spazio nel quale il tutto accadde, in cui tutto prende forma…

 

Lo Schermo è sempre presente, indipendentemente da quanto le immagini siano vivide e coinvolgenti… l’unica cosa reale è sempre presente e rimane lo schermo sul quale tutto viene proiettato.

 

Lo Spazio che indipendentemente da quale cantante ci sia, è imperturbabile, sempre Presente, sempre Perfetto.

 

Se uno canta “male”, e non è più musica ma rumore (per la mente), allo Spazio non gliene frega di meno, lo accoglie lo stesso…

 

Lo Spazio di cui parlo, è la tua Essenza…

 

Tu sei come il Silenzio tra le note di un pianoforte, ma non puoi vedere il Silenzio: quando vedrai le note e vedrai da dove avviene l’osservazione, realizzerai di essere il Silenzio in cui e da dove, tutto sorge e tutto scompare; tu NO, indipendentemente quanto coinvolgente sia la sinfonia.

 

Quando realizzi questo, la sofferenza inizia a dissolversi come la sabbia asciutta spazzata piano piano dal vento, lasciandoti amalgamare nel tuo profondo e puro Essere. 

 

Tu sei già, tutto ciò che stai cercando..

 

Scopri e sii ciò che sei ❤️

Radu 🙂

 

Ps: quando sei pronto, qui sono alcuni modi in cui posso esserti di aiuto e supporto nel tuo cammino…

Lascia un commento